D.L. 124/2019, c.d. decreto fiscale : f24 on line nuovi obblighi per i sostituti d'imposta
ULTERIORI AGGRAVI BUROCRATICI IN CAPO ALLE AZIENDE .Dalla data del 27/12/2018 , se verranno osservate dalla Agenzia delle Entrate le prescrizioni di cui alla Legge del 27/07/2000 nr .212 (Statuto dl contribuente ),vi sarà un generalizzato obbligo di pagamento delle Imposte in F24 per il tramite del servizio telematico entratel .

 con l’intervento del D.L. 124/2019, c.d. decreto fiscale, immediatamente operativo sin dalla data di pubblicazione del  27 Ottobre 2019, la compensazione orizzontale dei crediti, relativi alle imposte sui redditi e alle relative addizionali, alle imposte sostitutive delle imposte sui redditi e all'imposta regionale sulle attività produttive per importi superiori a 5.000 euro annui, è ammessa solo a partire dal decimo giorno successivo a quello di presentazione della dichiarazione o dell’istanza da cui emerge il credito. La novità trova operatività già con riferimento ai crediti maturati a decorrere dal periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2019. Di conseguenza, i crediti 2019 non sono più utilizzabili dal giorno successivo a quello di chiusura del periodo d’imposta di riferimento, cioè dal 1° gennaio 2020. A tal fine, il comma 1 dell’art.3 del decreto fiscale “contrasto alle indebite compensazioni”, sostituisce l’ultimo periodo dell'articolo 17, comma 1, del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241.


La compensazione del credito annuale o relativo a periodi inferiori all'anno dell'imposta sul valore aggiunto, dei crediti relativi alle imposte sui redditi e alle relative addizionali, alle imposte sostitutive delle imposte sui redditi e all'imposta regionale sulle attività produttive, per importi superiori a 5.000 euro annui, può essere effettuata a partire dal decimo giorno successivo a quello di presentazione della dichiarazione o dell'istanza da cui il credito emerge.

La suddetta disposizione non riguarda i crediti maturati in qualità di sostituto d’imposta.


Inoltre, attenzione va posta al fatto che il decreto fiscale (art.3 comma 2) estende anche ai soggetti non titolari di partita iva l’obbligo di ricorrere ai servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate per la trasmissione degli F24 con utilizzo di crediti in compensazione (in precedenza, per i non titolari di partita Iva, l’obbligo sussisteva esclusivamente per gli F24 a saldo zero). La previsione restrittiva circa l’utilizzo dei servizi telematici dell’Agenzia, da applicare ai crediti maturati a decorrere dal periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2019, riguarda anche quelli maturati in qualità di sostituto d’imposta (ad esempio, per i rimborsi da 730 o per il “bonus Irpef” di 80 euro).

Dalla data del 27/12/2019 , se verranno osservate dalla Agenzia delle Entrate le prescrizioni di cui alla Legge del 27/07/2000 nr .212 (Statuto dl contribuente ),vi sarà pertanto un generalizzato obbligo di pagamento delle Imposte in F24 per il tramite del servizio telematico entratel .

Leggi tutto
  • CIRCOLARE INPS NR 56 DEL 12/04/2021 Articolo 1, commi da 10 a 15, della legge 30 dicembre 2020, n. 178 (legge di Bilancio 2021). Esonero per l’assunzione di giovani a tempo indeterminato e per le trasformazioni dei contratti a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato effettuate nel biennio 2021-2022. Prime indicazioni operative
  • "In ragione del rinnovarsi della emergenza sanitaria e in coerenza con le decisioni assunte dal Governo nazionale e regionale, i tirocini extracurriculari svolti nell'ambito del territorio regionale nelle relative zone rosse ,potrebbbero essere sospesi in analogia al precedente provvedimento dello scorso anno con il quale l'assessorato all'Istruzione, alla Formazione e al Lavoro della Regione Puglia ne comunicò la sospensione .Si raccomandano pertanto i clienti interessati ,di sospendere tale tipologia di politica attiva del lavoro e di contattare tempestivamente i relativi TUTOR al fine di concordare gli eventuli provvedimenti in proposito da adottare .
  • Attestazioni e certificazioni delle competenze Le modalità di messa in trasparenza e attestazione delle competenze acquisite in esito ai percorsi di sviluppo delle competenze devono essere coerenti con le Linee guida approvate con Decreto 5 gennaio 2021: in esito al percorso dovranno essere rilasciate delle certificazioni, ossia Documenti di trasparenza, Documenti di validazione e Certificati delle competenze. Nel caso in cui, per la natura del percorso o dell'ente che lo ha erogato, non sia possibile rilasciare una certificazione, dovranno essere rilasciati degli attestati di messa in trasparenza delle competenze.