(IO Lavoro) nuovo incentivo occupazionale denominato "IncentivO Lavoro"
Il nuovo incentivo occupazionale denominato "IncentivO Lavoro" (IO Lavoro) fruibile dai datori di lavoro privati che assumono, nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2020 al 31 dicembre 2020 6 febbraio 2020, n. 44

 Destinatari dell'incentivo

L'incentivo è riconosciuto ai datori di lavoro privati che assumono, nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2020 al 31 dicembre 2020, persone disoccupate in possesso delle seguenti caratteristiche:

a) lavoratori di età compresa tra i 16 anni e 24 anni;

b) lavoratori con 25 anni di età e oltre, privi di impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi, ai sensi del D.M. 17 ottobre 2017.

c) che non hanno avuto un rapporto di lavoro negli ultimi 6 mesi con il medesimo datore di lavoro;

L'incentivo spetta laddove la sede di lavoro sia ubicata nelle Regioni meno sviluppate (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia), nelle Regioni più sviluppate (Piemonte, Valle d'Aosta, Liguria, Lombardia, Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Provincia Autonoma di Trento, Toscana, Umbria, Marche e Lazio) o nelle Regioni in transizione (Abruzzo, Molise e Sardegna), indipendentemente dalla residenza del lavoratore.



Tipologie contrattuali incentivate

L'incentivo è riconosciuto esclusivamente per le seguenti tipologie contrattuali:

a) contratto di lavoro a tempo indeterminato, anche a scopo di somministrazione;

b) contratto di apprendistato professionalizzante.

L'incentivo è riconosciuto anche in caso di lavoro a tempo parziale o di trasformazione a tempo indeterminato di un rapporto a tempo determinato.

L'incentivo è riconosciuto anche a favore del socio lavoratore di cooperativa, se assunto con contratto di lavoro subordinato.

Sono esclusi i contratti di lavoro domestico, occasionale o intermittente.



Importo dell'incentivo

L'incentivo è pari alla contribuzione previdenziale a carico del datore di lavoro, con esclusione di premi e contributi dovuti all'INAIL, per un periodo di 12 mesi a partire dalla data di assunzione, nel limite massimo di 8.060 euro su base annua, per lavoratore assunto, riparametrato e applicato su base mensile.

In caso di lavoro a tempo parziale il massimale è proporzionalmente ridotto.

La fruizione deve concludersi, a pena di decadenza, entro il termine del 28 febbraio 2022.



Cumulabilità con altri incentivi

L'incentivo è cumulabile:

- con l'incentivo previsto per chi assume percettori di reddito di cittadinanza;

- con l'incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile, nel limite massimo di un importo di esonero pari a 8.060 euro su base annua.

- con altri incentivi di natura economica introdotti e attuati dalle Regioni del Mezzogiorno in favore dei datori di lavoro che abbiano sede nel territorio di tali Regioni.



Procedimento di ammissione all'incentivo

I datori di lavoro interessati devono inoltrare un'istanza preliminare di ammissione all'Inps esclusivamente attraverso l'apposito modulo telematico che sarà definito dall'Istituto previdenziale, indicando i dati relativi all'assunzione effettuata o che intendono effettuare.

La gestione della misura è affidata all'Inps che:

- determina l'importo dell'incentivo spettante in relazione alla durata e alla retribuzione del contratto sottoscritto;

- verifica, mediante apposito modulo telematico, i requisiti di ammissione all'incentivo;

- accertata la disponibilità residua delle risorse, comunica al datore di lavoro l'avvenuta prenotazione dell'importo dell'incentivo in favore del datore di lavoro.

A pena di decadenza, entro 10 giorni dalla ricezione della comunicazione di prenotazione da parte dell'Inps, il datore di lavoro deve, ove non abbia già provveduto, effettuare l'assunzione e confermare la prenotazione effettuata in suo favore.

L'erogazione del beneficio avviene mediante conguaglio sulle denunce contributive.

Leggi tutto
  • CIRCOLARE INPS NR 56 DEL 12/04/2021 Articolo 1, commi da 10 a 15, della legge 30 dicembre 2020, n. 178 (legge di Bilancio 2021). Esonero per l’assunzione di giovani a tempo indeterminato e per le trasformazioni dei contratti a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato effettuate nel biennio 2021-2022. Prime indicazioni operative
  • "In ragione del rinnovarsi della emergenza sanitaria e in coerenza con le decisioni assunte dal Governo nazionale e regionale, i tirocini extracurriculari svolti nell'ambito del territorio regionale nelle relative zone rosse ,potrebbbero essere sospesi in analogia al precedente provvedimento dello scorso anno con il quale l'assessorato all'Istruzione, alla Formazione e al Lavoro della Regione Puglia ne comunicò la sospensione .Si raccomandano pertanto i clienti interessati ,di sospendere tale tipologia di politica attiva del lavoro e di contattare tempestivamente i relativi TUTOR al fine di concordare gli eventuli provvedimenti in proposito da adottare .
  • Attestazioni e certificazioni delle competenze Le modalità di messa in trasparenza e attestazione delle competenze acquisite in esito ai percorsi di sviluppo delle competenze devono essere coerenti con le Linee guida approvate con Decreto 5 gennaio 2021: in esito al percorso dovranno essere rilasciate delle certificazioni, ossia Documenti di trasparenza, Documenti di validazione e Certificati delle competenze. Nel caso in cui, per la natura del percorso o dell'ente che lo ha erogato, non sia possibile rilasciare una certificazione, dovranno essere rilasciati degli attestati di messa in trasparenza delle competenze.